Tanti modi per creare una lampada con bottiglie di vetro

Tanti modi per creare una lampada con bottiglie di vetro

 

Cari amici di Handy,

confessate: sono pochi tra voi quelli che sono in grado di resistere al fascino della bottiglia. Attenzione però, non stiamo parlando di chi spesso e volentieri è disposto a buttare giù un bicchierino di troppo (bevete sempre responsabilmente), ma di chi si lascia appassionare da formeriflessi trasparenze del recipiente in questione.

È un discorso che può essere esteso all’intero settore del packaging, studiato apposta da fior di professionisti per essere facilmente distinguibile e attraente in mezzo scaffali colmi di prodotti concorrenti; per essere ergonomico e maneggevole nell’apertura e nell’uso; per rispettare i corretti standard di igiene, sicurezza e informazione.

Contenitori irresistibili

Nel caso della bottiglia queste funzioni virano verso una dimensione più seducente, un po’ per linee sinuose del disegno, un po’ per la “promessa” del contenuto e tutte le implicazioni che porta con sé: convivialità, sigillo di eventi speciali, piacere e appagamento intimo.

Ci sono poi delle bottiglie dalle caratteristiche particolarmente intriganti o inusuali come quelle della Vecchia Romagna, del Grand Marnier, del Jack Daniel’s, la leggendaria bottiglietta della Coca-Cola ispirata alle proporzioni fisiche di Marilyn Monroe. Si tratta quindi di oggetti che vengono apprezzati in quanto tali, dal design ricercato che possono diventare elementi di decoro per la casa quando non veri e propri pezzi da collezione. Meglio ancora se li abbiamo rivestiti di un valore affettivo, il ricordo di momenti particolari per sé e per le persone care.

Riciclare per decorare

Come creare una lampada riciclando bottiglie

Un destino differente dal prendere polvere in cima ai mobili del soggiorno o finire sopra uno scaffale-dimenticatoio consiste nella pratica del riciclo bottiglia in oggetti di utilizzo quotidiano, qualcosa che non esponga la bottiglia al logorio di un continuo maneggio ma che allo stesso tempo abbia una funzione utile e che si faccia ricordare. Come una lampada con bottiglie, ad esempio.

Vediamo adesso come possiamo creare complementi d’arredo destinati all’illuminazione d’ambiente, con l’applicazione di materiale elettrico in bottiglie di vetro seguendo un entusiasmante gioco creativo. E far scaturire la luce là dove una volta c’erano alcool e bollicine.

Come bucare una bottiglia di vetro

Indispensabile sarà apprendere come bucare una bottiglia di vetro, operazione per niente complicata ma che richiede la massima attenzione per non ritrovarci tra le mani un mucchio di cocci rotti. A questo proposito la sicurezza è fondamentale: per le operazioni di taglio e foratura vetro utilizzate sempre guanti e occhiali protettivi, per scongiurare il danno di pericolose schegge.

Forare una bottiglia di vetro è necessario per creare un’apertura che consenta ad un filo elettrico di attraversare l’interno, permettendoci di realizzare un lavoro con rifiniture di qualità. Per fare ciò avremo bisogno di una punta per trapano diamantata, del diametro poco più grande del filo che andremo ad utilizzare. Benché sia stata pensata per un uso specifico, la punta diamantata non ha un prezzo elevato e può essere riutilizzata per perforare rivestimenti murali come le piastrelle, quindi può risultare comodo possederne una. Una volta deciso in quale punto forare la bottiglia, appoggiamola su una superficie stabile e morbida (va bene anche su un panno ripiegato). Ricordiamoci di impostare per il trapano la modalità normale e non quella a percussione, per non spaccare irrimediabilmente la bottiglia. Appoggiate delicatamente la punta sul vetro e iniziate la foratura premendo quel tanto che basta: la punta diamantata farà tutto il lavoro, senza che una pressione eccessiva rischi di rovinare tutto. Intervallate l’operazione con delle pause e spruzzate dell’acqua sul foro per evitare che la zona vada troppo in surriscaldamento a causa dell’attrito.

Come tagliare il vetro

Tagliare una bottiglia di vetro può rivelarsi utile quando le nostre creazioni non hanno bisogno della parte del collo o del fondo. Per questo servizio possiamo utilizzare un tagliavetro, attrezzo simile ad un taglierino per la carta, dal costo di pochi euro. Con mano quanto più ferma possibile incidiamo il vetro per tutta la circonferenza, magari facendo ruotare la bottiglia e tenendo fisso il tagliavetro. Per separare le due sezioni senza danni passiamo per più volte la zona tagliata sopra una fonte di calore (ad esempio la fiamma di una candela). Dopo aver riscaldato il vetro, investiamolo del getto d’acqua fredda di una fontana. Dopodiché applichiamo un po’ di forza: le due parti dovrebbero separarsi facilmente. Per lisciare i bordi tagliati utilizzeremo un foglietto di carta abrasiva.

L’operazione può essere resa ancora più semplice con un apposito tagliabottiglie, che unisce all’azione del cutter anche il vantaggio di una base provvista di piccoli rulli su cui poggiare il contenitore e ruotarlo a contatto con la lama.

Abat jour fai da te

Con la padronanza di queste tecniche possiamo buttarci a capofitto nell’operazione “lampade da riciclo”, con la creazione di diversi oggetti utili per la casa a partire da un abat jour fai da te. Le bottiglie di vetro spesso di brandy o champagne sembrano fatte apposta per sostenere un paralume per dimensioni, peso e stabilità. Una volta praticato un foro nel vetro in prossimità del fondo, facciamo passare un filo elettrico dal collo della bottiglia fino all’apertura. Da un lato monteremo l’interruttore e la spina, dall’altro un portalampada con filettatura esterna. Procuriamoci un paralume in tessuto, che potrà essere fissato alla bottiglia utilizzando la ghiera in dotazione, ancorandolo allo stesso tappo di sughero della bottiglia che avremo preventivamente perforato al centro. Altrimenti possiamo preparare un supporto utilizzando uno spesso filo d’acciaio, piegato all’occorrenza.

Lampade da tavolo fai da te

Apprezzate a tavola quando sono piene, possono starci benissimo anche quando sono vuote. Stiamo parlando delle bottiglie di vino, che con le loro linee sobrie ed eleganti sono perfette come lampade da tavolo fai da te. Possono essere posizionate sia orizzontali che in verticale ideando un pratico supporto, mentre il vetro scuro filtrera una piacevole luminosità soffusa. La cosa più semplice sarà tagliare il fondo della bottiglia, come illustrato in precedenza, e farvi passare il bulbo di una lampadina della grandezza adatta. Se vogliamo che rimanga intera, possiamo “riempirla” con luci LED a filo fatte passare dal collo oppure procurarci degli specifici tappi a LED, dispositivi provvisti di batteria ricaricabile con un certo grado di autonomia. L’atmosfera è garantita!

Lampadari con bottiglie

… e lampade con barattoli di vetro o bottiglie di plastica

Ribaltando la posizione della lampadina all’interno possiamo ottenere degli interessanti lampadari con bottiglie, sempre dal fondo tagliato, con i fili che scendono dall’alto a fare da supporto. Una trovata davvero sfiziosa, che sicuramente avrete avuto modo di notare in qualche pub o locale di nuova inaugurazione. È importante che il fondo delle bottiglie sia aperto, perché il calore delle lampadine a incandescenza può raggiungere livelli tali da farle esplodere. In alternativa è possibile ricorrere alla luce “fredda” (ed economica) delle lampadine a LED. Le stesse che andremo ad utilizzare se vogliamo ripiegare su lampade con barattoli di vetro, contenitori di dimensioni più ridotte che non avremo bisogno di incidere con il tagliavetro. Sarà sufficiente tagliare al centro il tappo di alluminio con delle robuste cesoie, ricavando un buco della stessa circonferenza del portalampada. Questo andrà fissato utilizzando la ghiera di cui è provvisto, avvitando infine la lampadina al portalampada e il tappo al vasetto.

I procedimenti fin qui descritti possono essere applicati anche per creare una lampada con bottiglie di plastica, materiale meno “nobile” ma più facile da ritagliare e lavorare. Inoltre le bottiglie di plastica possono essere facilmente incollate tra loro, in composizioni fantasiose e leggere.

 

Conclusioni

Creare una lampada con bottiglie di vetro ci permetterà di impreziosire casa con un simpatico oggetto di design, salvare un ricordo dalla raccolta differenziata e fare pratica con un materiale come il vetro, su cui non capita di frequente di poter lavorare.

Voi ci mettete la bottiglia, Handy invece lampadine di ogni tipo e dimensione dal suo reparto Illuminazione insieme a cavispine e interruttori del fornitissimo reparto Elettricità. Vi manca qualche attrezzo per avvicinarvi preparati a questo genere di lavoretti? Al reparto Utensileria lo troverete senz’altro. E se la voglia di abbellire casa è ancora lì che vi pungola, provate a fare quattro passi nel ricco reparto Decorazione.

 

Non resta che venire a visitare il nostro punto vendita a Marcianise, Strada Provinciale 335 Uscita A1 direzione Benevento.

Scopri tutti i dettagli e le novità  seguendoci sulla pagina Facebook Instagram.

Per ulteriori informazioni puoi scriverci compilando il form alla pagina contatti

 

Handy fai da te, il tuo hobby preferito!

Fai da te