Idee per un giardino fai da te (piccolo o grande che sia)

Idee per un giardino fai da te (piccolo o grande che sia)

Cari amici di Handy,

possedere un giardino proprio fuori le porte di casa nostra, anche piccolo, in certi momenti può rivelarsi una grande benedizione. Un angolo verde a nostra disposizione dove trovare tranquillità e relax oltre le quattro mura domestiche, dove lasciarsi andare a piacevoli attività nelle belle giornate. Quando poi sopraggiungono improvvisamente periodi in cui non possiamo allontanarci dalla nostra abitazione e il tempo libero disponibile aumenta, possiamo ritenerci doppiamente “fortunati” perché abbiamo la possibilità sia di godercelo che di abbellirlo, curarlo, metterlo a nuovo.

Come arredare un giardino?

Quando ci tocca vivere un orizzonte di attese e incertezze può venirci in aiuto l’ottimismo creativo che caratterizza noi hobbisti, gente che con le mani in mano proprio non riesce a stare. Quindi, approfittiamone: come arredare un giardino che sia lo specchio dei nostri gusti e delle nostre esigenze?

Ci vogliono tempo e pazienza per dipingere il giardino dei propri sogni ed è importante avere ben chiaro fin dall’inizio quale personalità dovrà avere il nostro eden privato. In un film cult degli anni Ottanta che ha segnato un’intera generazione, c’è una scena dove un anziano e saggio maestro orientale invita il suo allievo a chiudere gli occhi e immaginare già nella propria testa, come fosse un quadro, il risultato di un’opera complessa che si stava preparando a svolgere. Una volta isolata quella immagine, all’allievo non restava che aprire gli occhi e “fare come quadro”.

Sono molte le forme in cui un giardino può essere plasmato. Noi ci limitiamo a suggerirvi alcuni modelli facili da concepire e realizzare, ognuno dei quali raccoglie il favore di una schiera di appassionati.

Il giardino romantico

Molti eleggono il giardino a luogo romantico per eccellenza, dove natura e spazi vanno a braccetto con gentilezza e sensibilità. Un ambiente che va a nozze con lo stile shabby chic con tavolini e sedie in ferro battuto o legno verniciato di bianco, impreziosito da candeleoggetti in latta e piccoli contenitori. In vasi decorati a mano possiamo far sbocciare fiori dalle tinte pastello in un valzer di colori. Bastano pochi pali di legno incrociati ad innalzare un elegante gazebo drappeggiato da tessuti leggeri, oppure come sostegno per dar vita ad un pergolato fitto di fioriture galanti. A completare il tutto qualche fontana con i suoi zampillanti giochi d’acqua o per far abbeverare gli uccelli, senza dimenticare graziose lanterne da appendere ai rami degli alberi. Se lo spazio lo consente, possiamo costruire per i bambini una simpatica altalena solo con una corda e un asse di legno, oppure – perché no – la casetta di legno dei loro desideri.

Il giardino zen

È il tipo di giardino che ispira maggiore tranquillità e armonia per i sensi. In parte legate alla suggestione esotica di questa disciplina orientale ma soprattutto per la calcolata disposizione di pietresabbia e ghiaia che sfrutta la netta separazione di zone omogenee per creare contrasti, anche cromatici. Incantevole inoltre la presenza di sorgenti e specchi d’acqua, evocativi del fluire del tempo. Possiamo accostare fontane e vasche dal design essenziale con piante dal fogliame leggero, installando faretti e punti luce per illuminare con luce soffusa colori e riflessi. La predisposizione di un sentiero in pietre o legno accompagnerà i nostri passi silenziosi tra i sussurri dell’acqua e delle foglie. Un luogo veramente magico, senza la presenza di stucchevoli nani di gesso tra i piedi.

Il giardino rustico

A chi concepisce lo stare all’aria aperta in versione decisamente country suggeriamo tavoli in legno grezzo con panche dello stesso materiale o sedie di vimini. Come quinte naturali invece piante di fusto alto dalla chioma voluminosa, cespugli bassi, poca erba e rocce per delimitare i sentieri. In questa atmosfera così selvatica può forse mancare una bella amaca?

Il giardino tropicale

Se lo stile precedente può sembrare troppo spoglio, la sua controparte jungle sortirà l’effetto opposto. Piante tropicali e frondose per riempire ogni spazio utile, specialmente le rampicanti e quelle dalle fioriture vivaci garantiscono un potente effetto “paradiso terrestre”. Per alcune specie è consigliabile usare vasi di grandi dimensioni.

Il giardino mediterraneo

Da tutto il mondo si precipitano qui per respirare l’aria del nostro mare, perché non far esplodere anche dal nostro giardino gli irresistibili profumi della costiera? Aiuole delimitate da rocce non levigate per contenere arbusti aromatici di macchia mediterranea e piccole piante di agrumi, tirando su magari un bel pergolato di vite o di limoni. Se avanza qualche metro quadrato di spazio, approfittiamone per piantarci uno splendido ulivo.

Il giardino e basta

Naturalmente il nostro giardino non deve per forza somigliare a “qualcosa”. Può accontentarsi di essere luogo confortevole e funzionale, dove rilassarsi con un lettino sotto l’ombrellone. Magari con un lato provvisto di barbecue e grande tavolo per i momenti di allegra compagnia. Una fontana per attingere acqua, innaffiare un prato rasato e rinfrescare il selciato. Un angolo dedicato alla coltivazione di spezie e piantine aromatiche. La semplicità, quella bella.

Come arredare un giardino fai da te

In parole povere, il limite per arredare dei giardini fai da te è dato solo dalla nostra fantasia. La filosofia dell’upcycling, con il riuso e la valorizzazione di oggetti casalinghi inutilizzati o non più funzionanti, ci permette di allestire il nostro giardino praticamente a costo zero.

Possiamo utilizzare qualsiasi cosa, una volta rimessa a nuovo e personalizzata con colori e decorazioni. Teiere sbroccate, consunti stivali da pioggia, elementi di vecchi mobili: qualunque cassetto messo in verticale può diventare un pratico ripiano portaoggetti. Senza contare l’intervento delle maggiori autorità quando si parla di riciclo creativo: i pallet e le cassette di frutta.

Abbiamo già visto quanti mobili fai da te possiamo costruire partendo da questi modesti elementi una volta puliti, levigati e verniciati. Vengono buoni anche per il giardino, che tranquillamente può trasformarsi in un’estensione informale del nostro salotto con ampi divani ricavati da basi di pallet ricoperte da materassini e cuscini; cassette della frutta assemblate per farne contenitori e punti d’appoggio. Per tavolini bassi possiamo riciclare un vecchio copertone su cui avremo passato una mano di vernice colorata, sormontato da un ripiano di legno.

Possiamo sostituire i pallet con qualcosa di più duraturo come i blocchi di cemento per creare una panchina o, disponendoli in modo da raggiungere la giusta altezza, un bancone da bar.

Se siamo stanchi di vedere pareti esterne spoglie possiamo creare un muro verde con bottiglie di plastica tagliate per il lungo e riempite di terra, legandole a cascata le une alle altre con dello spago. Altrimenti ci avvantaggeremo della trasparenza di bottiglie e vasetti di vetro per allestire un giardino verticale di sicuro fascino.

Sappiamo anche come i barattoli di vetro sono ottimi per creare delle sfiziose lampade da esterno

Infine, possiamo creare aree pavimentate e passerelle utilizzando piastrelle, mattoni, pietre piatte raccolte da noi e, naturalmente, pallet.

Come arredare piccoli giardini

Quanto illustrato fin qui è valido anche per arredare piccoli giardini, dove magari non c’è tanto spazio per svagarsi ma che se ben curati contribuiscono a valorizzare l’abitazione evitando che l’esterno rimanga trascurato. Possiamo divertirci a disporre pietre di varie dimensioni e colore, accostando tonalità calde e tonalità fredde proprio come faremmo con la vernice. Nella posa delle piante daremo importanza alla scelta di vasi e sottovasi, settore che ha raggiunto anche una notevole qualità di design. I vasi in muratura invece ci permettono di comporre le aiuole anche su più livelli. Non c’è solo la pietra: anche con del legno si può costruire una efficiente staccionata, magari per delimitare un piccolo orto. Una volta preparato il giardino è fondamentale non abbandonarlo a se stesso per riceverne un aspetto spoglio: il pollice verde ci viene in aiuto scegliendo piante perenni oppure piante annuali ben assortite per alternare fioriture non solo nella bella stagione, senza dimenticare la splendida riuscita che solo le piante grasse riescono a dare.

Conclusioni

Abbiamo visto come si può arredare il giardino in maniera economica con oggetti di riciclo e fargli cambiare aspetto ogni volta che vogliamo, rispettando però sempre un certo equilibrio che evidenzi come le scelte al riguardo siano state fatte con consapevolezza e non ammucchiando cose a caso.

Handy è pronto ad assisterti con il suo servizio di consulenza e progettazione giardino, mentre nel reparto giardinaggio troverai tutto quello che serve per la cura di questo spazio tanto prezioso.

Scopri tutti i dettagli e le novità del nostro punto vendita a Marcianise, Strada Provinciale 335 Uscita A1 direzione Benevento, seguendoci sulla pagina Facebook Instagram.

Per ulteriori informazioni puoi scriverci compilando il form alla pagina contatti

 

Handy fai da te, il tuo hobby preferito!

Fai da te